Codice anagrafe nazionale ricerche: 58240
Denominazione: Istituto di Ricerche Economiche e Sociali dell'Emilia-Romagna

CF: 92032080373
Codice iscrizione provvisorio anagrafe: 58240

Data codice iscrizione anagrafe: 11/01/2007
Sede legale Via Marconi 69
Regione Emilia-Romagna
Provincia BO
CAP 40122
Comune Bologna

Fax: 051-294804
Natura giuridica: Altri Enti
Attività: ISTAT: 73200
Descrizione:
Attività Ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze sociali e umanistiche

Hits: 0
Area tematica: Migrazioni
Stato: In corso  
Membri: Volker Telljohann; Matteo Acciari; Alberta Anderlini; Del Monaco Manuela; Marina Garattoni; Andrea Lassandari; Bruno Laudi; Cesare Minghini; Gianna Nuvoli; Alberto Piccinini; Sabrina Pittarello  
   
In collaborazione con
  • Commisione Europea
 
Pagina del progetto
Descrizione:
L'obiettivo generale del progetto CAMS è quello di aiutare le organizzazioni delle parti sociali a comprendere e contribuire alla modernizzazione del modello sociale europeo, attraverso un miglioramento della competenza nel campo delle relazioni industriali. Traendo spunto dal Rapporto di Valdés Dal-Ré (2003) “Lavoro di conciliazione, mediazione e arbitrato nei paesi dell'Unione Europea”, CAMS mira a promuovere lo scambio di informazioni ed esperienze tra coloro che sono coinvolti in sede di conciliazione, arbitrato e mediazione, ovvero tra le autorità pubbliche, le imprese, i sindacati ed i centri di ricerca.
L'attenzione specifica di CAMS riguarda l'evoluzione del ruolo della conciliazione, arbitrato e mediazione del conflitto in un contesto europeo caratterizzato da un generale declino del conflitto industriale e da una crescente tendenza a conflitti di lavoro individuali, e dove le attuali istituzioni preposte al servizio di conciliazione, arbitrato e mediazione hanno, in maniera più o meno estesa, adeguato il proprio ruolo alle nuove esigenze.
Il progetto CAMS riunisce parti sociali, attori pubblici ed esperti di relazioni industriali provenienti da cinque diversi paesi dell’Unione Europea: Regno Unito, Francia, Polonia, Portogallo ed Italia. I partner comprendono centri di ricerche universitari (Working Lives Research Institute, Regno Unito e Francia; ICS Lisbon University, Portogallo), un centro di ricerca sindacale (l’IRES Emila-Romagna, Italia), una Agenzia del Regno Unito sostenuta principalmente da fondi pubblici ma indipendente (ACAS) e un’organizzazione sindacale (NSZZ Solidarnosc, Polonia).